Come abbinare legni diversi in casa? 7 strategie che non puoi assolutamente ignorare

by Gaia Miacola

Come abbinare legni diversi in casa? Questa è davvero una domanda da “un milione di dollari”!

É noto che le variazioni di colore, texture, contrasti e materiali sono essenziali per la decorazione degli interni, perché rendono un ambiente più interessante.

Quando si tratta di mixare i legni, noi architetti sappiamo bene che i clienti sono molto più propensi a comporre o terminare una casa nel corso degli anni, riunendo spesso arredi ereditati, acquistati o collocati in più momenti e con una varietà pressoché infinita di finiture.

Ti svelo ora un segreto che forse non saprai.

Il colore non è l’unico elemento che contraddistingue la finitura del legno. Anche la venatura e le dimensioni della superficie in legno contano.

Abbinare le gambe di due sedie non è come abbinare un pavimento ad un armadio. Ma vediamo tutto con calma.

Abbinare legni diversi

Meglio un matchy-matchy…

La maggior parte di voi quando pensano a come abbinare legni diversi in casa cercano risolvere il problema con il matchy-matchy, ossia cercando lo stesso identico colore del pavimento o del tavolo. È un errore.

Abbinare legni diversi in casa

Abbinare legni diversi

…o un contrasto ragionato?

Le finiture in legno che cercano di imitarsi, ma non sono perfettamente le stesse, possono anche piacere, ma agli occhi dei pro spesso sembrano un tentativo fallito. Mescolare invece un paio di legni che si completano a vicenda (sebbene siano diversi) sembra una scelta più ragionata.

Scegli un tono dominante
Abbinare legni diversi

Per prima cosa, devi trovare il tuo tono dominante di legno.

Questo potrebbe essere dato dal pavimento, se hai un parquet o da un grande mobile in legno o da una boiserie di armadi o di listelli che hai nella camera. Di qui hai due strade: creare un ambiente uniforme, che è la via meno interessante, oppure creare un po’ di contrasto.

Il contrasto va bene, non deve spaventarti! Ad esempio unire un legno chiaro freddo con un legno scuro neutro sembrerà intenzionale e darà un effetto bello alla vista.

Ciò che rende una stanza visivamente coesa è la ripetizione. Quando si mescolano i legni, ogni tono deve essere rappresentato almeno due volte nella stanza. Bilancia dunque i toni in casa. Proprio come faresti in una galleria d’arte, evita di raggruppare tutte le tonalità del legno in un’area sola perché risulterà di sicuro pesante.

Se una sedia o un tavolino sono gli unici pezzi con un tono, aggiungi la cornice di un quadro con lo stesso tono.

Legni caldi, neutri e freddi.

Abbinare legni diversi

Listone Giordano: tre legni in uno stesso ambiente!

I legni si dividono in legni caldi, neutri e freddi.

Esempio legni caldi: rovere naturale, noce canaletto, doussiè, ciliegio, faggio, teak, cabreuva, afrormosia, acacia, mogano.

Esempio legni neutri: noce nazionale, noce americano, acero, wenge, frassino, betulla, rovere montblanc, rovere tortora, iroko, testa di moro.

Esempio legni freddi: rovere sbiancato, rovere grigio, olmo grigio, acero bianco, rovere argento, rovere argilla, erice.

Nella foto sono stati abbinati tre legni neutri in uno stesso ambiente. Anche i sottotoni dei legni sono neutri, come vedremo. Il risultato è più che piacevole.

Abbinare più legni in uno stesso ambiente

Listone Giordano: legno caldo e freddo

In quest’altra foto sono stati mixati un legno freddo a pavimento con uno caldo del letto. Anche qui il risultato è piacevole, ma come vedi ci sono meno legni mixati tra loro.

La regola generale è di dosare bene gli abbinamenti. Se vuoi mixare legni caldi e freddi o caldi e neutri, scegli sempre solo 2 essenze. Se invece vuoi mixare più legni, mantieniti nella sfera dei freddi o dei neutri.

Non esagerare

Abbinare legni diversi

Mix legno caldo (pavimento) e neutro (infissi e listelli)

Un consiglio spassionato: non esagerare con i legni in casa!

Se non sei un esperto o se hai troppa paura di appesantire o di sbagliare, non esagerare con i legni in casa, a meno che tu non viva in una baita di montagna o in una casa con le travi a vista. Soprattutto i legni caldi sono terribili mixati tra loro.

Come dicevo, oltre al colore dominante devi considerare altre caratteristiche. Vediamo quali:

Sottotoni

Abbinare più legni

Rovere naturale, cuoio, creta, biancospino e grigio

Se non sei sicuro di come abbinare più legni insieme, opta quanto meno per pezzi che condividono la stessa temperatura di colore, nota anche come sottotono.

La maggior parte dei legni sono caldi. Il rovere, per fare un esempio, può essere caldo, neutro e freddo a seconda del sottotono delle sue venature.

Le finiture in legno con sfumature calde appaiono gialle, arancioni o rosse. I sottotoni freddi hanno una dominante grigiastra. Se il sottotono sembra beige/creta, il legno ha una temperatura di colore neutra. I sottotoni neutri sono i più versatili perché puoi mescolarli sia con finiture calde che fredde così come con altri legni neutri.

abbinare legni diversi

Noce sottotono caldo e noce sottotono neutro

Se hai problemi a identificare il sottotono di una finitura in legno, concentrati sul tono più chiaro nelle venature. Oppure guarda il pezzo da lontano in modo che appaia come un’unica sfumatura.

Se i toni del legno sono nella categoria ‘neutra’, è relativamente facile mescolarli e ottenere un risultato visivamente piacevole.

Venature

abbinare legni diversi

Venature diverse: rovere, noce e ulivo

Il concetto di venatura è più complesso. I legni di diversa specie hanno necessariamente venature diverse.

Quando si mescolano specie diverse, bisogna tenere conto di queste caratteristiche soprattutto se i pezzi sono a contatto tra loro.

Alcuni legni, come l’acero e l’agrifoglio, hanno venature molto fini e indistinte. In legni come il rovere, la venatura è più pronunciata. Altri legni come l’ulivo o lo zebrano hanno una venatura molto molto evidente.

I legni a venatura fine si prestano meglio al mix rispetto ai legni con venature più pronunciate.

Le grandi venature del legno rendono lo spazio più rustico e informale, mentre quando ci sono piccole venature la stanza è più formale e levigata.

Sentiti libero di mixare un po’ di entrambi e leggi bene come si uniscono nella stanza a seconda dell’atmosfera che vuoi ricreare.

Ammorbidisci le transizioni

arredare con i legni

Se devi abbinare diverse finiture in legno non significa che devi impilarle l’una sull’altra. Puoi farlo se ti piace il look, ma va bene anche per ammorbidire il passaggio da tono a tono con i tessuti. Un tappeto è un buon esempio.

Se la finitura del pavimento in legno è notevolmente diversa dalla finitura del tuo tavolo da caffè o da pranzo, posiziona un tappeto sul pavimento tra di loro per rendere la differenza meno stridente.

I legni caldi stanno tornando alla grande, quindi oggi hai molte più tonalità di parquet, armadi e accessori tra cui scegliere. Se ti sembra che le cose ti siano “sfuggite di mano” – troppe tonalità del legno, troppe finiture, troppe venature diverse – fai un passo indietro. Elimina un pezzo o due. Prova a levigare o tingere alcuni pezzi di legno diversi e ad applicare la stessa tonalità. Introduci comunque un po’ di contrasto. Osserva il tono dominante del legno e ricomincia, se devi.

Se hai ancora dubbi

Non devi arrivare a tanto!!!

Mantieni le tue scelte su due o tre tipi di finiture o due sole tonalità per iniziare e ripetila almeno un paio di volte in tutta la stanza. Il tuo spazio sarà meno caotico e ti sentirai più equilibrato.

Usa il bianco se vuoi “ripulire” l’ambiente!

Il bianco e il legno sono uno di quei magici abbinamenti, come il pomodoro e basilico. Funzionano e basta. Quando hai una varietà di toni del legno che rendono la tua casa come la foto qui in basso, intervallalo con un po’ di bianco per spezzare un po’ e lasciar respirare la casa.

Articolo correlati

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più