Scegliere gli infissi: 5 materiali e guida alla scelta

by Gaia Miacola

Scegliere gli infissi e i serramenti è importante perché si tratta di componenti architettoniche con molteplici funzioni.

Non solo proteggono le nostre abitazioni dal caldo, dal freddo e dalle intemperie, ma ci garantiscono luminosità, resistenza ai rumori, privacy, comfort, efficienza energetica e flessibilità.

Scegliere gli infissi

Infissi in legno-alluminio di Carminati Serramenti

Scegliere gli infissi: i materiali possibili

Allo scopo di accrescere le prestazioni, i profili degli infissi possono essere realizzati anche con materiali differenti, ad esempio uno utilizzato per l’esterno e l’altro per l’interno, sfruttando i pregi di entrambi.

Vediamo quali sono i materiali principali e come sceglierli.

Il legno

Scegliere gli infissi

Sezione di un infisso in legno

Il legno è uno dei materiali più utilizzati in Italia, almeno fino a qualche anno fa.

Il legno rende le finestre particolarmente isolanti sia a livello acustico che termico.

In fase di acquisto bisogna considerare che gli infissi in legno hanno però bisogno di una manutenzione particolare, come la riverniciatura o una mano di impregnante, operazione che deve essere eseguita più frequentemente, anche una volta all’anno, se si tratta di zone costiere.

Oggi si utilizza il legno lamellare, formato da più strati che garantiscono indeformabilità ed elasticità nel tempo.

L’isolamento termico che offre il legno è superiore rispetto all’alluminio, ma la manutenzione, seppur sporadica per alcuni modelli trattati con vernici particolari, ne scoraggia l’acquisto.

L’alluminio

Scegliere gli infissi

La sezione dell’infisso in alluminio è più ridotta rispetto al PVC

Si tratta di un materiale che offre elevata resistenza e autorevolezza, è indeformabile e non richiede alcuna manutenzione.

Rispetto al PVC e al legno, in cui dopo svariati anni si possono riscontrare cedimenti strutturali e sfogliatura degli strati o delle vernici, l’alluminio ha dimostrato di essere molto più indistruttibile.

Scegliere gli infissi

Infissi in PVC

Ha lo svantaggio di essere più costoso e con una maggiore conduttività termica, per cui oggi si utilizzano allumini a “taglio termico“, ossia con una serie di camere interne e guarnizioni che interrompono la dispersione del calore.

I risultati sono paragonabili a quelli del PVC multicamera.

Gli infissi in alluminio costano di più rispetto al PVC o ad altri materiali, ma durano anche di più, quindi il costo è da proporzionare sempre al periodo di vita del serramento.

Il PVC

Scegliere gli infissi

Infisso in PVC

La scelta più frequente negli ultimi anni è sicuramente il PVC. Ha costi accessibili, un’estetica moderna e offre ottime prestazioni. Resiste più del legno e meno dell’alluminio.

Nella struttura dell’anta e del telaio vengono inseriti rinforzi in acciaio che ne impediscono le deformazioni dovute agli sbalzi climatici forte.

Il PVC è ideale nelle località costiere perché è una barriera anti salsedine, soprattutto dove ci sono forti escursioni termiche.

La manutenzione è ridotta al minimo. Gli infissi in PVC hanno una vita media di 30 anni, quelli in alluminio raggiungono il doppio.

Esistono dei modelli di serramenti in legno interno e PVC esterno che danno vita ad un prodotto unico e di alta qualità, salvaguardando esigenze estetiche e climatiche che ogni zona richiede.

L’acciaio

Un altro materiale per la realizzazione degli infissi è l’acciaio. Per una migliore prestazione si preferisce l’acciaio zincato, tale da proteggerlo alle intemperie e ridurre le manutenzioni, essendo soggetto a corrosione.

Nonostante gli infissi in acciaio abbiano molti pregi, infatti, uno dei loro svantaggi è quello di non godere di un buon isolamento termico. Con il taglio termico, invece, si ovvia a questo inconveniente, facendo diventare il serramento adatto ad ambienti che devono essere funzionanti al 100% sia d’estate sia d’inverno.

Scegliere gli infissi

Infissi in acciaio Mogs

All’eccezionale isolamento del taglio termico in acciaio, si accompagna un’elevata sicurezza anti-effrazione, mentre l’ingombro visivo rimane ridottissimo (18 mm). Ideale per serramenti sicuri, eco-friendly e dal design estremamente pulito.

L’acciaio è il materiale che piace agli architetti.

La fibra di vetro

Scegliere gli infissi

Infisso in termofibra

Un’evoluzione è data dalla fibra di vetro o termofibra, materiale che nei prossimi 20 anni sostituirà il PVC. Oggi le finestre in PVC hanno il classico rinforzo in acciaio che oltre ad essere pesante, aumenta i ponti termici facendo perdere le naturali proprietà tecniche di isolamento termico del PVC stesso.

La fibra di vetro è del 40% più leggera rispetto ai tradizionali profili in PVC rinforzati in acciaio ed è possibile risparmiare sino al 40% delle perdite di calore, rispetto al PVC standard grazie all’elevato isolamento termico.

Le vetrate in fibra di vetro hanno misure minime di ingombro del telaio garantendo il 25% di luce naturale in più. Hanno un  design essenziale, un elevato isolamento termico e sono corredati di documentazione per le detrazioni fiscali.

Guida alla scelta degli infissi

Per riassumere:

  • Scegli l’alluminio a taglio termico quando hai dimensioni grandi, quando ami il design minimale o quando cerchi zero manutenzione e durata nel tempo massima. Ha prestazioni leggermente inferiori al PVC, prezzo superiore, resistenza agli agenti atmosferici ottima, infinita scelta di colori.
  • Scegli il Legno-alluminio quando ti piace la sensazione del legno al tatto e hai un budget elevato (costa mediamente un 30% in più di un infisso in alluminio).
  • Scegli il PVC quando devi contenere i costi iniziali, a patto che il colore sia bianco e le dimensioni inferiori ai 230 centimetri di altezza. Ha ottime prestazioni termiche, è più leggero, ma presenta possibilità di deformazioni nel tempo e/o necessità periodiche di regolazioni.
  • Scegli l’acciaio quando vuoi qualcosa di unico, con profili sottili e se hai un budget elevato.

Come vedi, quando arriva il momento di scegliere gli infissi, il budget rappresenta uno scoglio fondamentale, come anche la posizione geografica dell’edificio e la dimensione della finestra.

A volte le distinzioni prestazionali tra i diversi modelli/materiali sono davvero minime, diciamo superficiali per alcuni tipi di abitazioni in zone miti, ad esempio.

Scegliere gli infissi

Sezione di un infisso in legno e alluminio

Una delle migliori combinazioni è sicuramente legno interno e alluminio fuori. Il legno lamellare è l’infisso per eccellenza, che dà il senso di calore e accoglienza che ogni casa dovrebbe avere, ma col sole o gli agenti atmosferici col tempo si deteriora, per cui la parte esterna è bene rivestirla in alluminio, materiale invece eterno.

Visti dall’interno dello spazio domestico, le linee sobrie evidenziano le venature del legno. Sul lato esterno il telaio in alluminio garantisce durata al serramento ed elimina ogni processo di manutenzione. Io ho scelto questo tipo di infisso per la mia casa, ma devo ammettere di essere stata tentata anche dall’acciaio.

Alternativamente, per contenere i costi, scegli un PVC di alta qualità. In questo caso i costi potrebbero equipararsi quasi a quelli del legno-alluminio. Valuta bene la durata nel tempo dei materiali, quindi.

Scegliere gli infissi

La consulenza con un serramentista preparato è importante prima dell’acquisto per valutare non solo i diversi costi, ma anche le esigenze e le prestazioni di ogni finestra. Non esiste la finestra perfetta, ma esistono diverse varianti che possono meglio adattarsi alle tue esigenze.

Per abbinare gli infissi alle porte puoi leggere questo articolo che ho già trattato nel blog.

Non dimenticare la posa in opera

La posa in opera dell’infisso vale il 75% dell’infisso stesso. Capita infatti che sui lati delle finestre si evidenzino muffe, spifferi, condense.

Una posa in opera a regola d’arte deve garantire isolamento termico, acustico, al vapore e all’acqua.

All’interno della casa, in inverno quando l’aria viene riscaldata ed è più calda di quella esterna, si forma dell’umidità dovuta alle attività domestiche e al nostro apparato respiratorio. Questa aria calda, carica di umidità, penetra tra controtelaio e infisso, e trovando una “zona fredda” si trasforma in condensa.

Non sottovalutare la posa e falla realizzare da un tecnico serramentista esperto, non da un semplice venditore, per evitare le problematiche di cui sopra.

Cosa è la trasmittanza termica?

In una finestra, l’isolamento è importante per minimizzare la dispersione di calore dall’interno all’esterno, valore che viene chiamato trasmittanza termica. Si misura in W/m²K ed è indicata con la lettera U. Tanto più è bassa la trasmittanza, tanto più è elevato l’isolamento.

Oltre al valore complessivo riferito all’intero infisso Uw, vanno presi come riferimento i valori Ug e Uf, rispettivamente la trasmittanza termica del vetro e del profilo strutturale della finestra.

Il valore Ug è molto importante, dal momento che il vetro occupa più del 70% della superficie della finestra.

Capisci bene che scegliere gli infissi è dunque un compito arduo, non solo per via dei calcoli di efficienza, ma anche per le diverse combinazioni di materiali che possiamo alternare.

Di fatto oggi non esistono quasi più finestre con un unico vetro, ed anche quelle con i doppi vetri sono superate. Si parla di “vetrocamere“, ossia di più vetri intervallati da intercapedini riempite di aria o gas a bassa conducibilità, che garantiscono elevati livelli di isolamento termico con la funzione di trattenere al massimo il calore dell’edificio in inverno limitando le dispersioni.

Scegli vetro selettivo nei casi in cui non è possibile istallare una schermatura e la finestra è molto esposta al sole.

Il requisito di determinati valori di trasmittanza termica, divisi per aree geografiche, è uno dei requisiti per accedere alle agevolazioni fiscali.  Bassissimi livelli (Uw < 0,8 W/m²K) sono necessari per le case passive, cioè edifici che utilizzano in minima parte o per niente gli impianti di riscaldamento tradizionali.

Articolo correlati

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi annullare l'iscrizione se lo desideri. Accetta Leggi di più