Non appena spunta il primo sole sentiamo l’esigenza psicologica di rinnovare il terrazzo o i nostri spazi esterni.
Di fatto non è semplice sistemare queste parti della casa.

Rinnovare il terrazzo
Un arredo fatto bene può davvero modificare un esterno

Da una parte siamo spinti a voler utilizzare più superficie possibile, da coprire, pavimentare, riempire di vasi e luci, come nelle migliori copertine di interior design.

Dall’altra parte siamo frenati dall’idea che probabilmente tutto ciò che sistemiamo fuori non sia duraturo, oppure necessiti di una manutenzione noiosa e irreversibile.

Arte, ecologia e design sono i tre cardini intorno ai quali si muovono le attuali tendenze dell’arredamento di esterni. Le aree verdi o esterne sono diventate un elemento fondamentale nello sviluppo sostenibile e rispettoso del nostro benessere e della natura.
Soffriamo, in molti sensi, se non abbiamo a disposizione spazi aperti o zone in cui trascorrere un pomeriggio di relax, soprattutto quando la vita ci porta a esser chiusi costantemente in 4 mura.

 

Rinnovare il terrazzo Unopiu
Conrad di Unopiù: in bianco per adattarsi a tutti gli ambienti

Rinnovare il terrazzo o il balcone, il cortiletto o il giardino in modo contemporaneo fa parte del concetto di agritettura, un’armonica simbiosi tra costruzione, ambiente e psicologia. E proprio quest’ultima a convertirsi in un fattore determinante, quando si tratta di progettare uno spazio esterno adatto alle necessità delle singole persone.

 

Rinnovare il terrazzo
Perché non valutare una serra permanente o un giardino d’inverno?

I problemi e i dubbi più comuni in questo ambito sono:

  • Come organizzare al meglio gli spazi?
  • Come creare un ambiente piacevole, che sia duraturo?
  • Come realizzare un esterno di design senza arredi “di plastica”?
  • Come illuminare un esterno?
  • Quali sono i colori più performanti?

 

L’errore più comune è acquistare arredi per interni e trasferirli fuori. Il rischio è altissimo.

Ma partiamo con ordine.

 

Rinnovare il terrazzo
Un terrazzo che si rispetti ha aree funzionali organizzate e arredi al top. Sunlace di Unopiù

Rinnovare il terrazzo con stile: organizzare gli spazi

 

Le necessità principali sono tre.

Uno: sfruttare il più possibile la luce del sole.
Due: creare delle zone funzionali per suddividere gli spazi e non avere la percezione del “tutto vuoto”.
Tre: ripararsi dal vento, dalle intemperie e dagli sguardi invadenti.

 

Rinnovare il terrazzo
Treble di Unopiù

Conviene innanzitutto studiare la geografia. Cioè capire preliminarmente quali sono le zone più soggette a venti e piogge torrenziali e regolarsi con il progetto. È importante distribuire gli spazi in base all’esposizione e alla privacy rispetto ad altri condomini.
Un consiglio è di non utilizzare tessuti e ombrelloni in zone molto ventilate oppure arredi da esterni molto lavorati in balconi e terrazze esposti a sud, con piogge sabbiose e violente.

 

Rinnovare il terrazzo
Un ambiente finestrato o semiaperto può essere un pretesto per un arredo minimalista ma che segue le forme dell’architettura

Dividere il terrazzo in zone funzionali è estremamente importante per avere tutto sotto controllo. Ad esempio, se il terrazzo è spazioso, puoi prevedere una zona pranzo, con tavolo e sedie, una zona lounge con divanetti e tavolini, una zona solarium completamente esposta al sole.

Puoi aggiungere un’area barbecue e una a verde. Oppure una vasca idromassaggio sensoriale. Oppure ancora una serra, un giardino d’inverno o uno studio esterno, per lavorare godendosi il panorama.

 

 

Rinnovare il terrazzo
Avalon di Unopiù, adatto per tutte le situazioni

 

I due elementi chiave: materiali e design

 

Un esterno è un ambiente soggetto a intemperie di tutti i generi. Anche se può sembrare impossibile o lento, in realtà il sole, l’umidità e il vento hanno un potere di deterioramento molto forte su arredi e materiali.

Consiglio sempre a chi si approccia a questo tipo di progetto di soffermarsi un attimo sull’investimento.

Se si scelgono dei pezzi di scarsa qualità o troppo cheap può accadere ritrovarsi con sedie, tavoli, poltrone ben presto danneggiati e dunque di bassissimo valore.

 

Rinnovare il terrazzo
Bellissime scenografie valorizzate dall’arredo che unisce design e resistenza

I migliori materiali per esterni sono: teak di prima scelta, acciaio, ferro forgiato e zincato, corde e fibre sintetiche, pelle, pietra: senza tempo, da vivere in ogni stagione, da toccare e da sentire, lavorati e testati per durare e caratterizzare ogni ambiente.

 

Rinnovare il terrazzo
Anche un balconcino recupera il suo perché con Foldly di Unopiù

Oltre alla qualità dei materiali, in grado di resistere a qualsiasi tipo di intemperia, l’accento va anche sul design.

Quanti arredi per esterni “brutti” troviamo esposti tutto l’anno negli ipermercati del bricolage?

 

Sarai d’accordo con me che ogni parte della casa merita la sua attenzione e ha bisogno del suo stile per esprimere la tua individualità, da vivere ogni giorno.

Mimetismo con l’ambiente, stile minimalista, facilità di manutenzione, durabilità, linee eleganti, in grado di fare la differenza sono i requisiti che chiediamo agli arredi esterni.

 

Rinnovare il terrazzo
Più design in piscina!

Le proposte di Unopiù

 

Unopiù è un’azienda che propone validissimi arredi per l’outdoor che entrano con personalità e stile anche agli interni.

Il suo approccio è creare delle vere e proprie “stanze all’aperto”, comprese di accessori e illuminazione, durevole nel tempo.

 

Il brand Unopiù è senza tempo e senza età, apprezzato da generazioni diverse e adatto in qualsiasi contesto: urbano, cittadino, campestre, in terrazza, in giardino, nel portino ma anche in un balcone dalle dimensioni più intime e modeste.

 

 

Rinnovare il terrazzo
Eden: Chic al lago!

Quando l’arredo è di qualità e di design si può stare tranquilli due volte. Uno perché durerà nel tempo, due perché non passerà di moda subito.

 

Le aziende migliori si riconoscono da come si approcciano ai dettagli. È fondamentale l’aspetto di un oggetto, ma anche la sua fattura.

 

Rinnovare il terrazzo
Aurora di Unopiù: vintage in campagna!

I mobili in ferro della Unopiù sono tutti lavorati artigianalmente e forgiati a mano come una volta. Sofisticati trattamenti protettivi contro l’ossidazione e la verniciatura a forno con polveri termoindurenti (tecnicamente molto superiore di quella a liquido), conferiscono ai prodotti in ferro una superiore ed unica durata nel tempo.

 

Il processo prevede la zincatura, un rivestimento protettivo che si realizza per elettrodeposizione e che protegge dalla corrosione atmosferica e da parte dell’acqua.

C’è poi la cataforesi, un’avanzata tecnica che conferisce alle ferramenta un’elevata resistenza alla corrosione.

La resistenza all’esterno dei manufatti in ferro e acciaio – anche quelli della Unopiù – è sensibilmente variabile a seconda dell’aggressività dell’ambiente in cui sono esposti. L’ambiente marino e quello industriale sono le situazioni peggiori e attaccano gli strati protettivi della vernice. In questo quadro è consigliabile un lavaggio periodico con acqua e detergente neutro per liberare la superficie dei mobili dalle particelle acide o saline.

 

Immagina ad esempio cosa può succedere a rinnovare un terrazzo con un arredo in ferro non garantito e di scarsa qualità! Durata zero. Investimento fallito.

 

Rinnovare il terrazzo
Conrad di Unopiù: Comodo e durevole

 

Illuminare un terrazzo

L’illuminazione di un balcone o un terrazzo non deve mai essere banale.

Schematizzando, va fatta secondo due livelli. Uno di luce diretta e uno di luce d’atmosfera.

 

Rinnovare il terrazzo
Aton di Unopiù: l’illuminazione che fa la differenza

L’illuminazione diretta, quella che ci serve per illuminare le attività che facciamo, può essere realizzata con faretti e applique.
Quella di atmosfera, che dona un aspetto sognante, soft e romantico, ideale per rilassarsi, può essere realizzata con luci a terra o basse, in prossimità di piante o angoli particolari. L’intensità deve essere minima perché serve a creare giochi di luce interessanti e non abbaglianti.

 

 

Illuminare il terrazzo
Luce diretta ma anche di atmosfera

Ad esempio, le lampade Aton di Unopiù, realizzate con la torsione di lamelle in alluminio, ha un bellissimo effetto luminoso ed è disponibile in bianco e bronzo, colori assolutamente versatili e sempreverdi.

 

Illuminare il terrazzo
Un tocco di luce per evidenziare i punti più eleganti

Rinnovare il terrazzo

Oslo invece ripropone il concept della lanterna in un design contemporaneo a led, perfetto per ambienti ristrutturati o originali.

Rinnovare il terrazzo
Una lanterna contemporanea, ma a Led: Oslo di Unopiù
Rinnovare il terrazzo
Oslo di Unopiù

Articolo in collaborazione con Unopiù.

 

Trasforma il tuo terrazzo in un ambiente da sogno!

La tua casa è pura emozione.
Ristrutturare o cambiare l’arredamento interno non può più essere un tentativo alla cieca.

Grazie alla mia professionalità da architetto e ai render fotorealistici tridimensionali potrai vedere il risultato prima ancora dell’inizio dei lavori.

TRASFORMA LA TUA CASA IN UN AMBIENTE DA SOGNO >> SCOPRI COME


Gaia Miacola
Gaia Miacola

Architetto + Designer, Specializzata in Visual Design e Progettazione di Interni. Ho affiancato diversi studi di architettura e design, sia nazionali che internazionali, progettando per lo più Interiors e Residenze di grande pregio.

Domande? Lascia un commento.
Rispondo sempre di persona appena posso!

    2 replies to "Rinnovare il terrazzo con stile: guida all’esterno perfetto!"

    • Francesca

      Ciao! Sto ristrutturando casa… Sono seguita da un geometra e un architetto ma vorrei comunque sapere una tua opinione visto che ti seguo e mi piaci tantissimo..
      Ho una parte del bagno lunga 2.42 m e profonda 1.40 m. In questa parete dovrei mettere la doccia e lavatrice, asciugatrice..
      Cosa ne pensi di chiudere l ambiente con un mobile alto fino al soffitto e che arriva alla doccia in modo tale da utilizzarlo come “ripostiglio”?
      Non ho mai visto tuoi post che parlano proprio di questo..e vorrei sapere cosa né pensi.. Chiude troppo il bagno? É meglio una colonna portabiancheria e lasciare aperte lavatrice e asciugatrice una sopra l altra?

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.