Per arredare un bagno piccolo ci vogliono pochi, ma giusti elementi.

In genere quando si deve arredare un bagno piccolo ci si preoccupa della pagliuzza nell’occhio e si tralascia la trave.

I dubbi più frequenti sono:

  • Che colore mi consigli?
  • Come dispongo i sanitari?
  • La doccia è bene installarla vicino alla finestra?
  • Piastrelle quadrate o rettangolari?
  • Che ne dici della resina?
  • Come metto le luci?
  • Posso usare la carta da parati?

Arredare un bango piccolo

Sfatiamo subito un mito.

Se sei un divoratore seriale di Pinterest e Instagram e hai il telefono pieno di screenshot di tutti i tipi di bagni esistenti nel panorama mondiale dell’architettura, potresti comunque essere vittima di un blocco di idee quando si tratta di definire il tuo.

Non tutte le ciambelle escono col buco. Neanche i bagni, in effetti.

Ci sono molte case, forse più di quante io stessa ne riesca ad immaginare, che hanno un unico bagno.

E pure minuscolo. O cieco. O storto. Con un pilastro sporgente qui e una colonna montante là.

Partiamo dalle origini, ossia da quando l’homo sapiens doveva costruirsi la prima capanna.

Prima di tutto ne ha considerato la funzione.

Come arredare un bagno piccolo

Come organizzare gli spazi in un bagno piccolo

Non correre rischi.

Un bagno è innanzitutto un bagno, prima di essere una bomboniera o una deposito con wc, a seconda dei punti di vista.

Dunque conviene sistemare per bene gli elementi che lo caratterizzano.

Se sei alle prese con una ristrutturazione, ti conviene annotarti le cose che non funzionano nel vecchio ambiente e di conseguenza migliorarle.

Considera che spesso spostare gli scarichi è un bel casino, quindi se vuoi procedere con una ristrutturazione in economia, lascia intatta la posizione del wc e almeno della doccia.

Arredare un bagno piccolo
Attenzione alle dimensioni

Come progettare un bagno piccolo e funzionale

Le misure del bagno.

Le distanze da rispettare sono semplici, ma vanno imparate a memoria, come l’Ave Maria.

E sì, infatti sbagliare è facilissimo, quindi a ritrovarti con un bagno poco funzionale, anzi odioso, è un attimo.

Poi non puoi incolpare l’idraulico o il falegname.

Al massimo puoi prendertela con me perché questo articolo non l’ho scritto prima di oggi.

Arredare un bagno piccolo con il legno

 

Sanitari per arredare un bagno piccolo
Esistono sanitari molto piccoli in commercio

Le dimensioni minime da mantenere

Le dimensioni dei wc e del bidet sono circa 40cm di larghezza e 55cm di profondità.

Esistono dei sanitari anche più piccoli, tipo 40x50cm, ti conviene consultare le schede tecniche sul sito del produttore.

Il wc deve essere posizionato ad almeno 15-20cm dalla parete accanto. Il bidet almeno 20cm.

Tra wc e bidet devono esserci almeno 20-25cm.

Il lavabo ha una profondità di circa 45-50cm.

Una vasca piccola è 70x170cm, mentre la doccia minima è 80x80cm.

Tutti i sanitari devono avere uno spazio antistante (di passaggio e di utilizzo) di almeno 55cm.

Il bidet non è sempre necessario.

Esistono dei wc con idroscopino o dei sistemi igienizzanti molto efficaci che sopperiscono alla mancanza.

Quindi il bidet è davvero un elemento jolly da giocarsi solo in caso di spazio sufficiente.

 

Vasche a libera installazione: le peggiori 5 che devi assolutamente evitare

 

vasca per arredare un bagno piccolo
La vasca solo se c’è spazio sufficiente
vasca doccia per arredare un bagno piccolo
Vasca-doccia unite ma soltanto se realizzate in opera
bagno piccolo stile Zen
Piccolo, ma zen

Arredare un bagno piccolo

Doccia o vasca?

Se il bagno è molto piccolo conviene installare una doccia.

Una vasca per docciarsi non è sempre funzionale e, come hai visto, occupa più spazio.

doccia in un bagno piccolo
Alla ricerca della memorabilità
bagno piccolo con carta da parati
Un bagno da ricordare

Alla ricerca della memorabilità.

Una volta assimilati questi concetti base, è possibile passare ad uno stadio più avanzato di progettazione.

Ovviamente stiamo parlando di bagni piccoli ma memorabili, non di bagni standard.

È normale che nella vita professionale di un architetto ci sia il cliente che chiede il bagno con le piastrelle squadrate, magari tutte color marrone o tortora, e chi invece ti dice “fai tu”, fidandosi del tuo gusto architettonico-decorativo.

A me piace mettere sempre un tocco originale, quindi anche arredare un bagno piccolo è un’occasione da non sprecare per fare qualcosa di speciale.

Ritornando al discorso di prima, dopo aver assodato le dimensioni e le distanze dei vari sanitari è possibile cominciare a pensare ai colori e ai rivestimenti.

Partiamo da un presupposto. Stiamo parlando di un bagno piccolo, quindi non abbiamo grandi superfici murarie da sfruttare e aria fresca a volontà.

Abbiamo fondamentalmente due necessità:

  • Sfruttare tutti gli spazi
  • Farlo sembrare più grande

Da cui derivano due soluzioni:

  • Ricavare nicchie o usare colonne contenitive dall’aspetto minimale. Un’alternativa potrebbe essere riutilizzare una vecchia madia della nonna per convertirla in mobile da bagno con un lavabo da appoggio. Ma sempre se le dimensioni del tutto lo permettano.
  • Per far sembrare più grande un bagno piccolo o piccolissimo, sicuramente vanno scelti rivestimenti chiari o continui (resina). Il pavimento potrebbe anche essere decorato chiaro-scuro, ma il mood generale deve risultare luminoso.
nicchie in un bagno piccolo
Nicchie dovunque

nicchia doccia in un bagno piccolo specchio per arredare un bagno piccolo Arredare un bagno piccolo con specchi tondi

Come far sembrare più grande un bagno piccolo

Il segreto di Cenerentola che non costa nulla.

Un altro trucchetto low budget che funziona alla grande è utilizzare specchi enormi, anche a tutta parete.

Riescono a conferire un senso di profondità come nessun materiale potrebbe mai fare, allargando le superfici.

Una accortezza progettuale importante: gli specchi devono essere posti il più possibile visibili dall’ingresso nel bagno. Altrimenti non serviranno a nulla.

In generale curare l’aspetto scenografico di ogni stanza è sempre consigliatissimo.

Entrare in un bagno piccolo (magari pure l’unico della casa) e avere come primo elemento visivo il wc non è il top. Preferirei vedere un bel lavabo, oppure una doccia walk-in.

Capisco che per vincoli progettuali vari non sempre sia possibile ottenere il massimo effetto, ma in molti casi si può fare qualcosa.

Arredare un bagno piccolo con gli specchi
Specchi dovunque!

Arredare un bagno piccolo con mobili e specchi specchio appoggiato al mobile lavabo di un bagno piccolo

Illuminare un bagno piccolo

Sua maestà la luce.

Prima di parlare di colori e finiture, devo spendere qualche parola su un argomento molto importante che mi sta a cuore. Ovvero la luce.

Sfruttare il più possibile la luce naturale è un must. Lo prescrive anche il medico.

Quindi via libera a finestre grandi e, se è consentito dalla legge, aumentane pure le dimensioni. Sarà un toccasana per l’ambiente, sia in termini di estetica che di igiene e qualità dell’aria.

In ogni caso le finestre, seppur piccole, vanno valorizzate.

NO alle tende se il bagno è già buio, oppure utilizza tende morbide completamente su di un lato che ne esaltino la verticalità. Diciamo ad uso solo di arredamento.

Passando al discorso dell’illuminazione artificiale, per arredare un bagno piccolo hai bisogno di una luce generale (faretti o sospensione o plafoniera o striscia led), una in doccia e una diretta sul lavabo per la zona trucco/barba.

Quando l’ambiente lo permette, puoi realizzare un effetto led a tutta altezza che ne esalti la profondità.

Chiaramente perderai qualche centimetro se decidessi di farlo a muro (su soffitto è più conveniente quando il bagno è molto molto piccolo), ma il mood generale sarà unico nel suo genere.

Per non sbagliare o non aumentare il caos visivo, in questi casi proponiti di realizzare un rivestimento omogeneo, almeno nel colore.

Devi infatti decidere se dare priorità all’effetto luminoso oppure al decoro. Vedo difficile la convivenza di entrambi in un ambiente angusto.

bagno piccolo ben illuminato

bagno piccolo con Illuminazione led nascostabagno piccolo con Illuminazione led per nicchia

bagno piccolo con illuminazione nascosta

I rivestimenti per un bagno piccolo

I rivestimenti che scelgo più spesso per arredare un bagno piccolo.

Come architetto, quando mi approccio al design di un bagno, decido a priori il mood che voglio dargli: spiritoso, quindi young, elegante, minimalista, dark.

Già questa scelta condiziona tutta una serie di materiali e finiture che ne sono la conseguenza diretta.

In generale, per un mood young (magari per un single o una giovane coppia), posso osare con qualche tocco di colore sulle piastrelle di piccolo formato in gres. Per una casa signorile, preferisco l’eleganza e utilizzo spesso materiali dai toni della pietra o della terra.

Anche per case storiche o con soffitti in legno uso lo stesso approccio.

Esempio progetto bagno piccolo
Un mio progetto per un bagno davvero minuscolo dal mood maschile

Il minimalismo è sempre consigliato, ma ciò non toglie che non debba venir fuori il carattere unico del bagno. In questo caso, unisco al minimalismo dei materiali (esempio total white o resina o microcemento) un qualche effetto luminoso o una sospensione preziosa.

Il bagno dark lo vedo più maschile o comunque adatto a contesti molto contemporanei o industriali, dove c’è almeno un altro approccio dark nel resto della casa.

progetto bagno piccolo giovanile
Look young divertente per questo mio progetto giovanile

Quello che proprio non mi piace sono i bagni classici in contesti moderni. Li trovo una nota stonata nel resto dell’arredamento.

Come rivestire le pareti

Diciamo che in generale non hai l’obbligo di rivestire tutti i muri. Anzi. Sbaglieresti a farlo.

Quelle non soggette a schizzi o usura possono essere lasciate libere, per appendere quadri o colonne contenitive.

Ebbene sì, i quadri stanno bene anche in bagno.

Come altezza dei rivestimenti ci sono approcci nazisti anche discordanti.

C’è chi legge su internet alcune misure, poi l’operaio gliene dice altre, poi ancora l’ingegnere ne suggerisce altre ancora. Insomma, un caos di informazioni.

bagno piccolo con pareti bianche
In questo mio progetto ho rivestito le pareti di bianco, random, per esaltare la luminosità

In teoria puoi fare come ti pare sulle altezze.

Ho messo piastrelle anche sparse sui muri, random, nei miei progetti.

Tanto è raro che un bagno diventi una latrina.

Basta usare una pittura smaltata per stare tranquilli sempre.

Due schizzi non hanno mai ucciso nessuno, anzi, sono anche il pretesto per rinnovarne l’aspetto dopo un tot di anni.

Le altezze da me più utilizzate sono a 100cm (max 120), a 220 (ossia filo porte) e a tutta altezza.

Le altre le considero meno.

Ovviamente per quieto vivere, ti conviene sempre rivestire la doccia in mattonelle, lastre grandi di gres o carta da parati idonea.

Ti svelerò un segreto: il bagno che dura cent’anni non esiste.

Anche se i materiali che hai installato hanno una tenuta e una durata a prova di tsunami, ci saranno sempre nuovi pezzi o novità del mercato che ti faranno pensare tra una decina d’anni che hai sbagliato tutto, che la porta della doccia sarebbe stata meglio di un cristallo unico senza profili, che il miscelatore a goccia è più figo, che i sanitari sospesi sono più comodi, che il piatto doccia non si usa più. Credimi.

Quindi non stare a preoccuparti ora di quello che sarà tra 10 o 15 anni.

Una casa è un ambiente vivo, che si trasforma e va accompagnata in questo processo.

Negarlo è da stupidi.

piccolo bagno con nicchie
Nicchie da sfruttare
Arredare un bagno piccolo
Tutto in ordine!

Organizzare gli aredi in un bagno piccolo

Organizza tutto al meglio.

Un ultimo consiglio importante che mi sento di darti riguarda l’organizzazione generale dello spazio.

Evita il caos come la peste. Ok a nicchie, mensole, portasciugamani e ripiani.

L’importante è che ci sia ordine sia in come sono sistemati i vari oggetti, sia nei colori.

Magari hai realizzato un bagno effetto pietra, con una bella luce e dei sanitari tutti bianchi, sospesi e minimalisti.

Poi sul top del lavabo ci vai a piazzare spazzolini, asciugacapelli, profumi, gioielli e creme, asciugamani e saponi presi da ogni dove.

L’effetto generale sarà di caos visivo, quindi tutto il lavoro preliminare non sarà servito a nulla.

L’home staging prevede un certo feeling cromatico riguardo gli accessori.

Se hai creme e saponi multicolor, prima di cestinarli, pensa a sistemarli in pochette o contenitori non a vista.

È importante quanto scegliere le giuste piastrelle.

Gli spazzolini inseriscili in un portaspazzolini alto, di modo da mascherare i manici, oppure acquistali già tutti bianchi.

Idem per gli asciugamani.

Cerca di confermare sempre la palette che hai deciso inizialmente.

Ovviamente il caos visivo riguarda non solo gli accessori, ma anche i rivestimenti.

Cerca di minimizzare le fughe, utilizzando lastre grandi o piastrelle rettificate o rivestimenti continui.

Diciamo che un effetto mosaico non è tanto pratico sia per il caos che genera (a meno che non è tinta su tinta), sia perché le mille fughe tendono ad annerirsi e sono difficili da pulire.

Nascondere la lavatrice con l’arredo in un bagno piccolo

Direi senza alcuna ombra di dubbio, che la lavatrice andrebbe nascosta alla vista.

Mi dispiace per chi ne ha una non incassata, ma rovina l’estetica del bagno, piccolo o grande che sia.

Il mio stratagemma in fase di ristrutturazione è creare un antibagno con un armadio a muro che contiene lavatrice, asciugatrice impilate e strigatoio.

Si tratta di un piccolo trucchetto per non rovinare il design del bagno e per lasciarne fuori anche i rumori e le polveri dei panni che si lavano o si asciugano, che impedirebbero il relax.

Nel caso non fosse possibile ricavare un antibagno, allora ok alla lavatrice, ma sempre nascosta. Leggi anche: “come arredare una lavanderia“.

In un wc di servizio può anche essere a vista, ma diciamo che non mi ispira questa soluzione.

bagno piccolo con lavatrice
La lavatrice va assolutamente nascosta!

bagno piccolo con lavatrice nascosta

Arredare un bagno piccolo con lavatrice

Trasforma il tuo bagno in un ambiente da sogno!

La tua casa è pura emozione.
Ristrutturare o cambiare l’arredamento interno non può più essere un tentativo alla cieca.

Grazie alla mia professionalità da architetto e ai render fotorealistici tridimensionali potrai vedere il risultato prima ancora dell’inizio dei lavori.

TRASFORMA LA TUA CASA IN UN AMBIENTE DA SOGNO >> SCOPRI COME


Gaia Miacola
Gaia Miacola

Architetto + Designer, Specializzata in Visual Design e Progettazione di Interni. Ho affiancato diversi studi di architettura e design, sia nazionali che internazionali, progettando per lo più Interiors e Residenze di grande pregio.

Domande? Lascia un commento.
Rispondo sempre di persona appena posso!

    Risposte a "Come arredare un bagno piccolo: 7 Segreti dell’Architetto per farlo al Top"

    • Giulia

      Come suggerito anche nell’articolo, ho aumentato otticamente le dimensioni del mio bagno (veramente minuscolo) utilizzando strategicamente gli specchioni(onioni) e aggiungendo dei profili LED che potessero illuminare bene senza occupare troppo spazio. Purtroppo, non posso fare affidamento nemmeno a troppa luce naturale, quindi ho scelto rivestimenti chiari e una luce forte e affidabile

    • morena

      devo rifare il bagno lungo 2 m e stretto 1,40 m e non posso spostare il wc quindi ho appena dentro ..la vasca e il lavabo e infine in fondo vicino la finestra il bidet …un consiglio cosa ne dici del il lavabo in mezzo a bidet e wc ?

      • Gaia Miacola

        No, meglio riprogettarlo. Se è molto piccolo rinuncia al bidet per un wc con doccino o bidet integrato.

Rispondi